Date Autoemoteca



Home Cosa si può donare?
Cosa si può donare?? PDF Stampa

Sangue intero, piastrine, plasma.


Donazione di sangue intero

La donazione consiste nel prelievo di una quantità di sangue pari a 450 ml. circa: non è dannosa per il donatore e non lo espone ad alcun rischio infettivo; al contrario permette un controllo periodico e gratuito della propria salute. Il donatore, se lavoratore dipendente, ha diritto ad una giornata di riposo retribuita per ogni donazione. Per donare il sangue basta aver compiuto 18 anni e non aver superato i 65, essere in normali condizioni di salute e avere un peso corporeo non inferiore a 50 kg. Le donne possono donare il sangue due volte all'anno, gli uomini quattro. L'idoneità alla donazione viene comunque valutata, caso per caso, dal medico trasfusionista a tutela del donatore e del ricevente.

 

Donazione di piastrine

Alcuni pazienti hanno bisogno non di sangue intero ma di piastrine, elementi che servono a controllare le emorragie. La piastrinoaferesi è la metodica che si utilizza per questo tipo di donazione. Consiste nel collegare il donatore ad un separatore cellulare che separa il sangue e trattiene le piastrine in un apposita sacca. Il donatore di piastrine deve avere gli stessi requisiti del donatore di sangue intero. Sono consentite sino a sei piastrinoaferesi l'anno.

 

Donazione di plasma

Il plasma è l'elemento del sangue che contiene i fattori della coagulazione, oltre a proteine ed immunoglobuline. Il plasma può essere ottenuto per centrifugazione da una sacca di sangue intero o con l'utilizzo di un separatore cellulare in grado di prelevare questo solo componente: plasmaferesi. La ricostituzione del plasma prelevato è velocissima, ed è quindi possibile donarlo con maggiore frequenza, sino ad un massimo di sei volte all'anno.